Il Purificatore

Febbraio 2011

Il purificatore

In un mondo in cui il contagio e la diffusione demoniaca sembrano aver preso il sopravvento sulla Chiesa e sull’intera umanità, soltanto pochi coraggiosi tentano di combattere il male.
Il Dottor Ortis svolge un mestiere molto particolare, infatti elimina demoni con regolare autorizzazione Vaticana: è considerato il miglior esorcista su territorio nazionale e i suoi metodi brutali ma efficaci gli sono valsi l’appellativo di Purificatore.

Eppure, per salvare una sua amica, dovrà scendere a patti con un demone molto potente.
Ortis sarà così costretto a spingersi in una realtà pericolosa e grottesca capace di minare alla base le umane certezze e nella quale, spesso, la morte appare come una soave liberazione.

La Sindrome di Minosse

Novembre 2012

La Sindrome di Minosse

Massimo Ortis, più noto come il Purificatore, fa uno strano mestiere: ha una speciale licenza vaticana di uccidere demoni. È il miglior esorcista del mondo, che si muove come un detective dell’hard boyled.

Una sacerdotessa Woodoo vuol resuscitare un demone, Asanbosan, per creare un esercito di morti viventi che prenderanno il potere sulla terra. Un altro demone, Astaroth, cercherà di fronteggiarla, ma Massimo Ortis riuscirà a distruggere entrambi e la sacerdotessa.

Un fantasy dal ritmo incalzante, sequenze narrative, sanguinolenti e truci che non rinunciano alla comicità sotto traccia. Massimo Ortis, come Minosse, spedisce all’inferno i peccatori. Minosse li sospingeva nei gironi più bui attorcigliando la coda. Il Purificatore a colpi di 44 magnum.

facebook-logo

Livor Mortis

Settembre 2021

Ventiquattro storie diverse tra loro per sviluppo e per ambientazione. Ventiquattro racconti da incubo con uno stesso filo conduttore di sangue, paura e sofferenza. Storie ambientate in un mondo grottesco ed esoterico nel quale non s’intravede alcuna speranza di redenzione. Quello che viene descritto è un mondo onirico e surreale, nel quale le coscienze sono deformate e le azioni sono la proiezione di deliri egotistici.
A volte il male assume manifestazioni grandiose; altre volte scaturisce nei contesti più normali e nelle forme più banali. Esso resta, tuttavia, un flusso costante ed ineluttabile.
Ai protagonisti dei racconti di questa raccolta, inquieti e disturbati, si prospetta un futuro oscuro e indecifrabile, ma anche, lucido, crudele e ineluttabile.
Del resto, nessuno di essi è in pace con la società. Ognuno vive la propria personale alienazione e persegue la propria vendetta privata, non importa se motivata da torti effettivamente subiti oppure da più intimi percorsi psicopatologici.
Ritratti di vite al limite che, inevitabilmente e dolorosamente, ci ricordano la quotidianità.